LOGO CITTA' OLIO

L'Emilia Romagna fa pensare alla buona cucina legata a grassi animali come lardo, strutto e burro, ma la coltivazione dell'olivo ha origini molto antiche in questa regione, e non solo sulle colline che circondano l'Appennino Tosco-Emiliano, dove pare che si siano trovate tracce di olivi di natura preistorica, ma anche intorno alla stessa città di Bologna, dove i colli, fino al 1600 erano ricoperti di oliveti.

Lentamente questa coltura si è persa a causa della valorizzazione delle produzioni in pianura destinate anche all'allevamento dei maiali, su cui si è incentrata buona parte dell'economia Emiliana e Romagnola fino ai nostri giorni.

La produzione olivicola odierna trova radici in Romagna, in particolare nelle province di Ravenna e di Forlì-Cesena.

Il comune di Brisighella è titolare della DOP che celebriamo oggi, ma non vanno dimenticate Faenza, Riolo Terme, Casola Valsenio e Modigliana.

Il Brisighella DOP è un extra vergine ottenuto da una cultivar autoctona, la Brisighella appunto, che con la presenza della Ghiacciola, altra cultivar autoctona, conferiscono l'impronta caratterizzante di quest'olio: amaro e piccante, con note intense di mentuccia e foglia di pomodoro.

Non dimentichiamo che lungo la costa, nella provincia di Rimini, la produzione di olio è molto apprezzata e si basa su cultivar delle vicine Marche o Toscana.

Gli oli Romagnoli sono in genere molto fruttati e rotondi e si prestano perfettamente all'utilizzo su piatti leggeri, di verdure o di pesce.

RICETTA

Pain Brioche aromatico con Olio Extra Vergine Brisighella DOP

Ingredienti per una pagnotta grande ed un piccola:

400 gr di farina Manitoba

100 gr di farina 00

2 dl di latte

2 uova medie

70 ml di Olio Extra Vergine di Brisighella

25 gr di lievito di birra

20 gr di erbe aromatiche fresche miste (salvia, rosmarino, maggiorana, timo)

1 cucchiaino di zucchero

1 cucchiaino e mezzo di sale

Setacciate le farine.

Fate intiepidire il latte e sbriciolatevi il lievito con il cucchiaino di zucchero. Attendete una decina di minuti fino a che in superficie non si sarà formata una leggera schiuma. 

Versate le farine nella planetaria.

Tritate finemente le erbe aromatiche e mescolatele alle farine.

Versate il latte con il lievito lentamente mentre impastate a velocità media con il gancio. 

Una volta amalgamato, aggiungete il sale, le uova una alla volta, e per finire l'olio a filo. Impastate per una decina di minuti fino a che non otterrete un impasto omogeneo e perfettamente staccato dalla ciotola.

Ungete una ciotola di plastica, ponetevi l'impasto e mettete in luogo caldo a lievitare per almeno 1 ora.

Trascorso questo tempo, lavorate brevemente l'impasto e sistematelo in 2 stampi a cassetta della capacità di un litro, che avrete unto con olio d'oliva. Io ho usato uno stampo più grande ed uno per plum cake mignon. 

Mettete in forno caldo a 180° e fate cuocere per 45/50 minuti. 

Se volete una crosta senza crepe, potrete spennellare la superficie del pane con un velo d'olio non appena tolto dal forno. 

Sformate e fate raffreddare su una gratella per dolci. 

Si accompagna perfettamente ad affettati, formaggi freschi e stagionati o patè.

La “Nostrana” di Brisighella

Ottimo se usato crudo per insaporire verdure, pesci e per preparare salse. L'olio extravergine di oliva Brisighella DOP deve essere ottenuto dalla varietà di olive "Nostrana di Brisighella" in misura non inferiore al 90%.

Di colore verde smeraldo con riflessi e tonalità dorati, quest'olio ha un sapore piccante e piacevolmente amarognolo. Ottimo se usato crudo per insaporire verdure, pesci e per preparare salse. L'olio extravergine di oliva Brisighella DOP deve essere ottenuto dalla varietà di olive "Nostrana di Brisighella" in misura non inferiore al 90%. Possono, altresì, concorrere altre varietà presenti in quantità minima nella zona. La produzione massima di olive per ettaro è di 5.000 Kg negli oliveti specializzati con una resa in olio massima del 18%.Per l'estrazione dell'olio sono ammessi soltanto processi meccanici e fisici atti a produrre oli che presentino più fedelmente possibile le caratteristiche peculiari ed originarie del frutto. Raccolte a mano dall'albero, nel periodo compreso tra il 5 novembre e il 20 dicembre di ogni anno, le olive vengono lavate a una temperatura inferiore ai 27 gradi e spremute entro quattro giorni dalla raccolta.

LOGO OLIO DOP

Per maggiori informazioni
www.cittadellolio.it

178total visits.